L’esposizione di MC SELVINI di Via Poerio 3 a Milano, che rappresenta un punto di riferimento per il design danese e scandinavo, durante il Fuorisalone di aprile ha ospitato, in collaborazione con PP Møbler, una mostra per celebrare il centenario della nascita di Hans J. Wegner, uno dei maggiori esponenti del design danese che ha reso celebre uno stile che perdura nel tempo e unisce eleganza, forme organiche e funzionalità.

E’ la rivista Americana “Interiors“nel 1950 a decretare Wegner come uno dei designer più importanti a livello internazionale, grazie alla copertina con la sua Round Chair del 1949, che venne definita la sedia più bella al mondo. Questa sedia divenne talmente nota da meritare l’appellativo di “La sedia”, e nel 1961 fu impiegata nel primo dibattito televisivo per le presidenziali americane come seduta per Kennedy e Nixon.

Round_Chair_Wegner

Durante la sua carriera, Wegner ha modellato il legno come un abile ebanista, progettando circa 1000 oggetti unici e spettacolari, diventando uno dei più prolifici architetti danesi e contribuendo a rendere la Danimarca leader internazionale del design contemporaneo. Fondamentale è stata la collaborazione di Wegner con il mastro carpentiere Johannes Hansen, e altrettanto importante è stato il connubio con il marchio PP Møbler, che produsse la maggior parte delle sue creazioni più fortunate, tutte contraddistinte da proporzioni rigorose e perfette, eleganza, linee semplici e raffinate e sobrie.

Tra i progetti più famosi riconosciuti come icone del design a livello mondiale vanno citate:

la Cina Chair del 1944, ispirata ai troni dell’imperatore cinese

China_Chair_Wegner

la Peacock Chair del 1947 che reinterpreta la classica poltrona Windsor,

Peacock_Chair_Wegner

la Teddy Bear Chair del 1951, una poltrona che ricorda l’abbraccio di un grande orso,

Teddy_Bear_Chair_Wegner

la Valet Chair del 1953, che è un capolavoro di genialità creativa nonché di padronanza dell’arte dell’ebanisteria,

Valet_Chair_Wegner

la OX Chair del 1960, una poltrona imbottita creata per rendere la seduta comoda in molti modi diversi,

Ox_Chair_Wegner

La Shell Chair del 1963, conosciuta anche come la “Smiling Chair”, è considerata una dei migliori capolavori scultorei di Wegner,

Shell_Chair_Wegner

e la Circle Chair del 1986, una seduta ricca di dettagli geniali e dotata di una bellezza assoluta.

Circle_Chair_Wegner

Il mio pezzo preferito?

La Hammock Lounge Chair del 1967, in legno di quercia e dal country look.

Hammock_Lounge_Chair_Wegner-

Hans J. Wegner è scomparso nel 2007 e, oltre ai suoi splendidi pezzi, ci ha lasciato una frase che racchiude perfettamente l’essenza del design danese: “molti mi chiedono come si crea lo stile danese ed io rispondo che si tratta di un continuo processo di purificazione e semplificazione”.

 

Per conoscere e approfondire la conoscenza di Hans J. Wegner e del design nordico:

www.pp.dk

www.mcselvini.it

www.fritzhansen.com

www.carlhansen.com