Un balcone, un giardino ma anche un semplice davanzale possono essere illuminati o anche solo rallegrati dalle lampade solari, apparecchi che utilizzano piccole celle fotovoltaiche, che assorbono la luce del sole durante il giorno e la trasformano in energia rendendola disponibile di notte.

I vantaggi del loro utilizzo sono:

– le lampade solari possono essere posizionate ovunque (a patto però che sia un punto colpito dalla luce diretta del sole, in modo da avere la garanzia di una maggior durata della luce immagazzinata e poi rilasciata);

– il solare è una fonte di energia rinnovabile. Il sole è sempre presente, anche nei giorni più nuvolosi, per cui le vostre lampade funzioneranno sempre;

– possono essere installate senza l’ausilio di prese di corrente e quindi il loro utilizzo non inciderà sui costi dell’elettricità;

– le più comuni sono di facile installazione e soprattutto potrete cambiare loro posizione ogni qualvolta avrete voglia di variare i giochi di luce e di ombra.

Con l’ausilio di punti luce solari, l’allure e l’estetica del vostro spazio outdoor aumenterà notevolmente e basterà avere un po’ d’occhio per riuscire a dar risalto ad alberi, aiuole, vasi, vialetti, laghetti e altro con giochi di luci ed ombre.

Quindi, se state allestendo un nuovo luogo all’esterno o se non siete soddisfatti dell’illuminazione già presente, avete solo l’imbarazzo della scelta perché le soluzioni offerte dal mercato sono tante, e in particolare vi invito a visionare questi prodotti:

– scenografico è Solar Tree di Artemide;

– pluripremiato è il sistema audio luminoso wireless a energia solare per esterni Disko di Heimdall;

– divertente è il punto luce Lily di GE.CO NETWORK;

– e infine l’utilissimo LuminAID, nato per soddisfare le necessità di luce dopo il terremoto del gennaio 2010 ad Haiti e oggi usato in tanti ambiti.