Di solito si approfitta dell’inverno per fare manutenzione alla moto e per leggere, ma anche in questi giorni di sole si può trovare un attimo per aprire un libro e sfogliare qualcosa di utile o piacevole sulle due ruote.

Alzi la mano chi non ha letto almeno un libro di Roberto Parodi? Motociclista amato e odiato.

Sinceramente, se non conosco una persona direttamente non giudico. Di sicuro cerca di trasmettere la passione dal suo punto di vista, pertanto può essere apprezzato o meno a seconda che si condivida oppure no questa sua visione del mondo.

I suoi libri raccontano di viaggi in moto, avventure anche un po’ al limite, amicizia, rispetto ecc., temi che, tutto sommato, noi motociclisti conosciamo bene. Inoltre, pur essendo dei romanzi, si portano dietro anche un fondo di verità, raccontando esperienze motociclistiche che l’autore ha vissuto direttamente.

Insomma, Roberto un pizzico di invidia e stima la suscita, sarà per questo che alcuni non lo sopportano?

I suoi libri io li ho letti tutti, perché sono scorrevoli e piacevoli, adatti anche a chi non condivide la passione per le due ruote. Sicuramente mi sentirei di consigliarli come letture da ombrellone: spero che l’autore non si offenda, ma la semplicità delle parole utilizzate, la trama ironica, avventurosa, a metà tra Indiana Jones e l’immaginario motociclistico di “Born to Be Wild”, si addicono a momenti di totale relax.

Scheggia-libro-parodi

Inconsapevolmente li ho letti nell’ordine di pubblicazione: il primo, Il Cuore a due cilindri, mi è capitano in mano per caso, prestato da un amico. Il secondo, Scheggia, è comparso nella mia casella di posta. Detta così sembra che qualcuno me lo abbia regalato, ma in realtà era in offerta in versione ebook, e così l’ho preso. Certe newsletter sono il male 🙂

Parodi_Chiedi-alla-strada

Il terzo, Controsole, e il quarto, Chiedi alla strada, sono stati invece una scelta consapevole per conoscere il seguito di una storia e per la spensieratezza di una trama che non delude.

A questo punto mettetevi comodi e viaggiate solo con la mente.