Durante una delle mie quotidiane e necessarie pause ghiacciolo, improvvisamente l’ansia e l’angoscia hanno preso il sopravvento… poco prima dell’ultimo morso, infatti, un dubbio mi ha assalita: e mo’ sto stecco dove lo butto?!?!!! Eh sì, perché si fa presto a dire raccolta differenziata. Poi, quando ti ritrovi lì con quei quattro bidoncini (vetro escluso) davanti, il senso di smarrimento è pari a quello dei tempi del liceo il giorno del test di matematica a risposta multipla! Smarrimento e indecisione perché con la raccolta differenziata niente è come sembra: le stoviglie di plastica non vanno nella plastica ma i bicchieri sì, gli scontrini di carta non vanno nella carta, così come la carta da cucina sporca, che invece va nell’umido… Insomma, con questo minutissimo legnetto tra le mani, prima di farlo cadere nel gran caos dell’indifferenziato, sono andata a curiosare su internet e ho scoperto con mia grande sorpresa che la sua destinazione sarebbe stata quella dei rifiuti organici… se non avessi invece deciso di non gettarlo affatto! La mia attenzione, a quel punto, è caduta sulle decine e decine di immagini riguardanti altrettanti modi di riutilizzare questi stecchi: dagli ever green portapenne e cornici ai puzzle e elicotteri per bambini. Non ho potuto resistere, così, in questo e nei prossimi post vi proporrò tre modi molto carini e divertenti di riutilizzarli, da realizzare anche con l’aiuto dei più piccini!
Per realizzare questo DIY occorrono: materiale-ventaglio-diy – 4 stecchi (due grandi e due piccoli);
– carta velina colorata;
– carta con fantasia di vostro gusto (io ho stampato su un foglio A4 – di recupero anche questo – dei pois giganti);
– metro;
– matita;
– nastro carta;
– spago di carta;
– colla;
– forbici a zig-zag (io ho utilizzato le lame a effetto pizzo).

Iniziamo dagli stecchi: effettuate un forellino su uno dei più piccoli e inserite un pezzetto di spago che fungerà da gancetto, bloccatelo poi con del nastro carta; a questo punto fissate gli stecchi grandi ai piccoli, sempre col nastro, lasciando esterni i più piccoli; srotolate il nastro di carta e fissatelo ai bastoncini con una mano di colla (anche sopra il nastro per ottenere un effetto lucido dopo l’asciugatura). procedimento-ventaglio-diy Tagliamo due fasce di carta (una di velina e una del foglio stampato) lunghe 11×70 cm e sovrapponiamole con la colla in modo da averne una sola. carta-ventaglio-diy Ripassate i bordi con le forbici a zig-zag e piegate la fascia ottenuta a fisarmonica. Fissate col nastro carta solo una delle estremità e rivestite il nastro con una striscia di carta velina. piegatura-carta-ventaglio Ora non ci resta che attaccare i due bordi estremi della fascia di carta ai bastoncini avendo cura di:
– farli aderire a quelli che erano gli stecchi più lunghi;
– rivolgere il gancetto verso l’esterno;
– lasciare fuori l’estremità fissata col nastro. mood-ventaglio-fai-da-te Non è bellissimo? E’ comodo anche da tenere in borsa e da portare in spiaggia! Mi raccomando, non buttate via gli avanzi della carta utilizzata perché ci torneranno utili nel prossimo post… buon lavoro e alla prossima!