La domanda è: e con le foto come facciamo perdincibacco? Quanto vorremmo fare un sacco di foto nell’acqua, magari immortalare la spiaggia dal mare aperto. E le foto sott’acqua, con il pelo dell’acqua come orizzonte. Come si fa però? Le opzioni sono tante, dalle più economiche alle più costose.

Volete usare il vostro iPhone o smartphone: benissimo, ma ricordatevi che l’acqua non è proprio sua amica. Presto fatto il rimedio, digitate su google custodia subacquee i phone, ne troverete di tutte le marche e con dei prezzi contenuti! Voi però non vi accontentate e siete affamati di foto più professionali.

Allora potete cercare delle custodie subacquee per le vostre macchine, anche se le cifre sono altine, oppure comprare direttamente delle compatte che possano andare sott’acqua. Un ottimo rapporto qualità presso ce l’ha la Fuji Finepix XP50, oppure la Nikon Coolpix S31, e poi ricordate che queste macchine non è per nulla vietato che vengano usate pure fuori dall’acqua! Siete ancora legati alla pellicola?

Un nome su tutti, la Nikonos, vero gioiello di casa Nikon. Si trova usata, su internet. Ottiche intercambiabili, scatto meraviglioso, ottiche che quasi commuovono. Una analogica low cost invece c’è sempre, e sono le usa e getta: già che ci siete prendete con il flash. E ora via nel centro di questo agosto, in questo ferragosto. E ricordate che se siete in spiaggia dovete bilanciare l’esposizione, che la sabbia inganna l’esposimetro.