Se ne sta sola nel suo parcheggio come se fosse solo un mezzo di locomozione. Un oggetto nato per portarti verso una destinazione precisa in poco tempo, economicamente e possibilmente in sicurezza. Ma merita di più. Sì, perché dandole di più ti da di più.

Così in questi giorni ho avuto nel garage in prova una Alfa Romeo Giulietta, nome che mi evoca romantiche fughe dalla città ed eleganti serate mondane.

Io amo viaggiare in moto, ma non disdegno, anzi apprezzo tantissimo anche il viaggio su 4 ruote. È proprio per la mia abitudine a viaggiare su 2 ruote, con tutti i limiti di dimensione bagaglio e comfort, che per me qualunque macchina è giusta per viaggiare. Ovvio sono due cose non comparabili, ma oggi scelgo di raccontare i viaggi in Automobile in due.

Farle incontrare è facile, il nome femminile e per niente arrogante dà già l’impressione di una di casa e i richiami sportivi negli interni non intaccano l’eleganza e il piacere dei richiami del modello classico.

Deve essere chiaro che il viaggio è importante almeno quanto la meta, non andate al mare in autostrada per esempio. Gli itinerari vanno scelti non subiti. Così, lasciando la città, potreste scoprire posti interessanti come intervallo tra posti insignificanti. Per cui bagaglio leggero, macchina pulita, playlist che permettono la conversazione e lasciare le proprie senza la fretta di arrivare, ma con la curiosità di scoprire.

La vostra macchina ha la capacità di spostare non solo il vostro corpo, ma anche le vostre conversazioni, la vostra intimità di casa, in altri panorami. Come una terrazza coperta o mobile.

Non deve per forza essere una sportiva GT o una Touring passo lungo con bagagliaio capiente, basta una city car per uscire fuori porta godendosi la strada.

I miei consigli per un weekend al volante perfetto sono questi:

1. Scegli bene l’itinerario. Deve essere vario, tratti tortuosi alternati a scorrevoli, autostrada solo se necessario e stop intermedi per riposarsi dalla guida visitando luoghi intriganti.

2. Colazione leggera, un toast e un cappuccino per non appesantirsi, piccoli snack dolci a portata, facili da mangiare alla guida.

3. Acqua, idratarsi come durante un attività sportiva, si bruciano calorie anche guidando con la dolce metà a fianco.

4. Se siete amanti della guida sportiva ricordatevi che la vostra passeggera potrebbe non esserlo e che guidare sportivamente non dipende solo dalla velocità, ma anche dalla cura con cui si scelgono le traiettorie e gli spazi di staccata.

5. Gli orari si calcolano approssimando per eccesso prima di partire, mentre si viaggia, per vivere sulla pelle il piacere della guida: l’orologio va dimenticato.

6. Molte delle strade più belle non sono coperte dal segnale radio e, per quanto sia bello per me ascoltare il motore, potreste volere della musica. Prepararsi una playlist prima è un’ottima strategia. MAI guidare con il volume troppo alto, oltre a non conversare e stancare tutti prima, impedisce di avere feedback importanti dai pneumatici, deconcentra e non fa sentire eventuali clacson, motociclisti o sirene.

7. La macchina, per godersela, dovrebbe essere pulita, parlando agli appassionati come me, ma almeno tenere il parabrezza pulito è buona norma e permette di vedere meglio anche i panorami.

8. Controllare pressione degli pneumatici, livello dell’olio e avere la macchina in ordine meccanicamente sarebbe auspicabile.

9. Essere soci ACI o avere una qualche assicurazione per avere assistenza stradale in caso di problemi è una scelta saggia.

10. La compagnia è giusta, siate pronti a improvvisare, evitate il punto 1 e perdetevi sui nastri d’asfalto e bivi che trovate intriganti.

Non riuscite a fare pace o a essere affascinati dalla vostra macchina anche appena pulita? Cambiatela! Ce ne sono tante interessanti di usate a km0 o semestrali come le Alfa Romeo Giulietta in offerta su Autoscout24, per citare un portale a caso di annunci di auto usate. Come avrete capito io adoro le Giulietta… ce l’ho infatti. Ad ogni modo se cercate “auto usate” in Internet, qualcosa trovate.