Amo le libellule e l’unico vantaggio nell’essermi trasferita da Milano all’hinterland consiste proprio nel fatto che occasionalmente vengono a farmi visita sul balcone.

Tuttavia questi incontri si limitano alla stagione estiva e autunnale, quindi ho deciso di creare un accessorio che mi ricordi i loro voli per tutto l’anno: una “campana a vento” con delle libellule smaltate fatte a mano.
Mi sono procurata un legno sottile (da un ramo di gelso reciso), un po’ di filo di nylon, fil di ferro (oppure ottone o rame), smalti per unghie e perline; se si vuole che produca qualche suono (come in effetti una campana a vento dovrebbe fare) si possono aggiungere alcuni sonagli o campanellini.

materiali

Ho modellato il filo metallico con le pinze per la bigiotteria: un anello sopra la testa e due coppie di “asole” vuote per le ali, mentre il corpo è costituito da alcuni semplici giri di filo.

libellule

Ho decorato le libellule così ottenute con lo smalto per le unghie, spennellando il corpo e riempiendo le ali: quando si passa il pennello carico di smalto su una forma chiusa, ovale o tonda, uno strato sottile di colore riempie il vuoto attaccandosi ai bordi.

libellule-smaltate-procedimento

Una volta asciutte le ho legate al ramo tramite alcuni fili di nylon nei quali ho infilato piccole perline di vetro, e allo stesso modo possono essere aggiunti i campanelli.
Questa decorazione appesa all’aperto ondeggerà a ogni soffio del vento… Visto come sta andando l’estate sarà bene legarla al meglio!

campana