Quarta edizione per il Festival “Le corde dell’Anima” di Cremona, che si tiene quest’anno dal 31 maggio al 2 giugno e si conferma uno tra gli appuntamenti più interessanti del variegato panorama dei Festival culturali italiani, con una formula originale che unisce letteratura e musica in un unico grande spettacolo.

Forte del grande successo della passata edizione, che ha visto raddoppiare in soli tre anni il numero degli spettatori – 30mila nel 2010, 40mila nel 2011, 60mila nel 2012 – anche quest’anno il Festival ha in programma oltre 40 incontri con più di 100 protagonisti, per la gioia del pubblico che si è sempre mostrato appassionato e caloroso.

Piazza Duomo, il Cortile Federico II, Piazza della Pace, Palazzo Affaitati, Palazzo Calciati, il recentissimo Museo del Violino – luoghi storici della città nota in tutto il mondo per la sua grande tradizione musicale – fanno da suggestivo palcoscenico a scrittori, musicisti e artisti che si alternano in un accostamento continuo di voci diverse, parole, note e suoni in dialogo, con un ricco programma di incontri e concerti, reading, anteprime, spettacoli e laboratori.

©daverio scapin

Molti gli ospiti internazionali, tra cui in anteprima mondiale il Premio Pulitzer Paul Harding, che leggerà pagine dal suo prossimo libro in uscita in autunno; in anteprima italiana anche la regina del thriller internazionale Tess Gerristen e Karim Miskè con il suo singolare noir Arab Jazz. La carrellata continua con Quim Monzò, celebrato sceneggiatore dei film di Bigas Luna, Sergio Alvarez accompagnato dalle sonorità sudamericane degli Atlantico Negro; Tim Parks e Alice; le scrittrici spagnole Alicia Gimenez Bartlett, signora del giallo e grande appassionata di jazz, e Clara Sanchez, l’autrice più letta del momento, accompagnata dalla voce di Antonella Ruggero e dalle letture di Federica Fracassi.

Non meno noti gli ospiti italiani, pronti a raccontarsi e confrontarsi in un dialogo eccellente tra parole e musica: Daria Bignardi e Uto Ughi; Lella Costa e Pacifico; Pupi Avati e Paolo Fresu; Niccolò Ammanniti, Salvatore Niffoi e Dori Ghezzi, Vinicio Capossela, Franco Battiato e Manlio Sgalambro, Gianni Biondillo e Luca Crovi, Gianni Mura e Ricky Gianco; Francesco Carofiglio e i Guano Padano, e ancora Lorenzo Amurri, Luca Bianchini, Daniele Bresciani, Giorgio Caponetti, Andrea Kerbaker, Enzo Gentile, Simone Lenzi, Maurizio Maggiani, Marco Malvaldi.

Come da tradizione, nei tre giorni del Festival grande attenzione è data alla musica in tutte le sue declinazioni, spaziando dalla classica al jazz, dal pop al rock alla musica etnica: da Franco Battiato al maestro iraniano Ramin Bahrami, da Riccardo Sinigallia e Laura Arzilli a Marta sui Tubi, gli Atlantico Negro, Bianco, Massimo Bubola, Alessio Menconi, Miscellanea Beat, Michele Papadia, Perturbazione, Omar Pedrini, Thony, The Thrust, The Sweet Life Society, Vasco Brondi di Luci della Centrale Elettrica. Chiude il Festival il recital per pianoforte e voce di Moni Ovadia e Carlo Boccadoro.

Nato da un progetto di Anna Folli e Nicoletta Polla-Mattiot, il Festival si avvale di un comitato scientifico composto inoltre da Vittorio Cosma e Mercedes Meloni, ed è reso possibile sotto il profilo organizzativo e finanziario grazie a PubliAEventi, agenzia che fa capo alla Società editoriale cremonese presieduta da Antonio Piva, oltre a una serie di altri sponsor privati.

Ingresso libero – Tutto il programma su www.lecordedellanima.it.