Gianni Berengo Gardin, Normandia 1933 – © Gianni Berengo Gardin/Contrasto.

Gianni Berengo Gardin. Alzi la mano chi non ha mai sentito parlare di lui. Sappiate che è in mostra a Venezia, fino al 12 di maggio 2013. Dove? Alla casa dei Tre Oci.

Per chi non lo conosce ancora, per chi come me ha un qualcosa di suo attaccato in camera – io lo ammetto, ho due pagine di Repubblica a casa di quanto fece una mostra in Sardegna qualche anno fa – questa grande occasione non può certo perdersela.

Non è la sua storia, ma le sue storie – “Gianni Berengo Gardin: Storie di un fotografo”, il titolo della mostra, ha questo plurale perfetto, esatto, meravigliosamente ambiguo – sono i suoi occhi dietro alla macchina fotografica.

Incontri e viaggi altrove di uno dei più grandi fotografi dei nostri tempi. Centotrenta scatti fatti ancora con quel bianco e nero vero, senza artifici digitali. Vera fotografia, si dice ancora. Raccontare le sue foto non è possibile.

Organizzarsi per camminarci addosso, a quegli scatti, in una Venezia che è stata la sua culla, è un’emozione che è vietato perdere. Venezia poi, per chi ama fotografare, è un’emozione unica. In giornata, un week end. Trovate il tempo. Ne vale la pena.

3.Gianni-Berengo-Gardin_Venezia-1959_Piazza-San-MarcoGianni Berengo Gardin, Piazza San Marco, Venezia 1959 – © Gianni Berengo Gardin/Contrasto.

Ecco alcuni contatti e info utili:

www.treoci.org
tel.+39 041 24 12 332
info@treoci.org

Orari
Tutti i giorni 10.00 – 19.00
chiuso martedì