Lo ammetto: sono una terrona un po’ anomala! Non vado matta per la pizzica (danza popolare salentina) e non so nuotare (anzi, a dirla tutta ho proprio il terrore dell’acqua alta, dove per “alta” intendo già al petto).

Bevo anch’io ettolitri di caffè (rigorosamente fatto con la moka), ma mi rendo conto che potrei sostituirlo volentieri con qualcosa di cui, invece, non posso proprio fare a meno, sia d’estate che d’inverno: e tisane il pomeriggio o prima di dormire, bollenti o ghiacciati non mancano praticamente mai!!! Mi piace molto scegliere i diversi gusti direttamente in erboristeria abbinando i profumi e i colori, ma spesso acquisto anche quelli confezionati nei classici filtri monoporzione.

Questo DIY nasce proprio da questo mio rito quotidiano, unito alla mania di non buttare via niente, nemmeno le bustine colorate che proteggono i filtri del tè, e con l’aiuto della mia volenterosissima nipotina Sofia che, ogni giorno per mesi e mesi, ha conservato per me le bustine del tè consumato nella sua famiglia.

Per realizzare questo DIY occorrono:

materiali-cestino-fai-da-te

– bustine colorate di tè o tisane;

– cartoncino tipo bristol;

– un vecchio frisbee (anche un piatto piano di plastica rigida, tipo melamina, va benissimo)

– forbici;

– pistola per colla a caldo;

– colla vinilica diluita;

 

Iniziamo dalle bustine:

bustine-cestino-fai-da-te

Tagliate le due linguette a destra per ottenere un rettangolo quasi preciso; piegate la bustina a metà, poi ogni metà di nuovo, fino a che non otterrete una fascetta; piegate ancora a metà e poi ogni metà verso il centro un’ultima volta.

Le tesserine ottenute in questo modo vanno inserite l’una nell’altra dal lato in cui (ve ne accorgerete guardandole) ci sono soltanto due fessure.

piegare-bustine-cestino-fai-da-te

Continuate ad inserire le tesserine fino ad ottenere un serpentone lungo abbastanza da realizzare il vostro gettacarte.

fila-bustine-da-te

A questo punto fissate il foglio di cartoncino intorno al piatto che avete scelto come base del gettacarte (potete usare la colla a caldo oppure un filo di colla vinilica non diluita, ma dovete avere la pazienza di aspettare che si asciughi per bene): questo fungerà da sostegno per la fase successiva.

Attorcigliate il serpentone ottenuto con le bustine partendo col primo giro intorno al piatto e salite incastrando via via gli spigoli, fissandoli ogni tanto con un punto di colla a caldo (devo confessarvi che io non sono una fan di questa colla, perché ogni volta che la utilizzo alla fine sembro un baco da seta!!!)

cestino-assemblato

Salite fino all’altezza desiderata ed ecco fatto…

Per dare più rigidità e stabilità al lavoro, vi consiglio una mano di colla vinilica leggermente diluita con acqua.

Per il muro scarabocchiato dietro il tavolino posso consigliarvi, invece, un artista emergente di due anni e mezzo…

cestino-per-la-carta-immagine

Orgogliosissima del mio gettacarte fai-da-tè

Alla prossima!