Sabato 18 maggio si é svolta a Malmö (Svezia) la finale dell’Eurovision Song Contest 2013, importante concorso musicale di respiro internazionale che quest’anno ha spento 58 candeline sulla torta di compleanno e che ha visto in gara i ventisei  artisti finalisti di altrettanti Paesi europei, tra i quali non poteva mancare l’Italia.

Nel 2012 é stata la svedese Loreen a conquistare il Vecchio Continente con la sua hit dance “Euphoria” (se non ve la ricordate, ascoltatela qui) e a regalare al suo Paese una vittoria che mancava dal 1999, quest’anno il gradino più alto del podio si é tinto ancora di rosa con il trionfo della danese Emmelie De Forest e della sua canzone “Only Teardrops”.

A soli 20 anni Emmelie ha raggiunto la vetta d’Europa e ha sbaragliato una concorrenza agguerrita, esattamente come avevano previsto i bookmakers prima della finale: la Danimarca infatti era stata data vincitrice da tutte le rilevazioni e anche questa volta i pronostici sono risultati efficaci e infallibili.

Eurovision-song-contest-2013-winner-emmelie-de-forest

Per quanto riguarda l’Italia, Marco Mengoni e la sua “L’essenziale” – canzone più votata dal pubblico nostrano al Festival di Sanremo di quest’anno – si sono guadagnati un onorevolissimo settimo posto in classifica con 126 punti. Il pezzo é stato gradito in particolare da Spagna, Svizzera e Albania, che hanno premiato Marco con il punteggio più alto, ovvero 12 punti.

Per la sua consacrazione europea Mengoni ha optato per l’essenziale  in tutti i sensi: il cantante ha proposto un’esibizione estremamente semplice e sobria, la più sobria in assoluto, con lo scopo di portare l’attenzione del vastissimo pubblico all’ascolto sul messaggio del suo pezzo, più che su effetti speciali, giochi di luci, coreografie e quant’altro. Una scelta rischiosa e un po’ controtendenza, che però non lo ha penalizzato e che ha fatto comunque emergere il suo talento come interprete.

E’ davvero un peccato che Marco non sia riuscito ad entrare nella Top 3, sicuramente aveva tutte le carte in regola per piazzarsi nei primi posti in classifica e per far sognare l’Italia come fecero Gigliola Cinquetti nel 1964 (quando vinse l’Eurovision a Copenaghen con “Non ho l’età – per amarti”) e Toto Cutugno nel 1990 a Zagabria (la sua “Insieme: 1992” fu proclamata la canzone più bella d’Europa).

Ma torniamo alla reginetta – letteralmente! – del Vecchio Continente, Emmelie De Forest. Sapevate che é una discendente di Re Edoardo VII e che la sua trisavola é la Regina Vittoria d’Inghilterra? Una cantante di nobili origini insomma, una giovane artista che ha alle spalle una storia importante tanto quanto il titolo che si é portata a casa al termine dell’emozionante avventura musicale dell’Eurovision Song Contest 2013.

Ecco a voi la performance della De Forest sulle note di “Only Teardrops”, seguita da quella di Marco Mengoni. Dopo i due video trovate anche la classifica finale di quest’anno e i link alle esibizioni di tutti gli altri protagonisti dell’evento.

(P.S. Nella lista dei finalisti figurano nomi assai noti, in primis quello della grande Bonnie Tyler, rappresentante del Regno Unito. E che dire di Anouk, l’interprete della famosissima “Nobody’s Wife”? Da segnalare anche i tedeschi Cascada, molto conosciuti e apprezzati per quanto riguarda il genere dance/pop.)

1. Danimarca – 281 punti [Emmelie De Forest – Only Teardrops]
2. Azerbaigian – 234 punti [Farid Mammadov – Hold Me]
3. Ucraina – 214 punti [Zlata Ognevi? – Gravity]
4. Norvegia – 191 punti [Margaret Berger – I Feed You My Love]
5. Russia – 174 punti [GiaDina Garipova – What If]
6. Grecia – 152 punti [Koza Mostra feat. Agathonas Iakovidis – Alcohol Is Free]
7. Italia – 126 punti [Marco Mengoni – L’essenziale]
8. Malta – 120 punti [Gianluca Bezzina – Tomorrow]
9. Paesi Bassi – 114 punti [Anouk – Birds]
10. Ungheria – 84 punti [ByeAlex – Kedvesem]
11. Moldavia – 71 punti [Aliona Moon – O Mie]
12. Belgio – 71 punti [Roberto Bellarosa – Love Kills]
13. Romania – 64 punti [Cezar – It’s My Life]
14. Svezia – 62 punti [Robin Stjernberg – You]
15. Georgia – 50 punti [Nodiko Tatishvili & Sopho Gelovani – Waterfall]
16. Bielorussia – 48 punti [Alyona Lanskaya – Solayoh]
17. Islanda – 47 punti [Eyþór Ingi Gunnlaugsson – Ég á Líf]
18. Armenia – 41 punti [Dorians – Lonely Planet]
19. Regno Unito – 23 punti [Bonnie Tyler – Believe In Me]
20. Estonia – 19 punti [Birgit Õigemeel – Et Uus Saks Alguse]
21. Germania – 18 punti [Cascada – Glorius]
22. Lituania – 17 punti [Andrius Pojavis – Something]
23. Francia – 14 punti [Amandine Bourgeois – L’Enfer Et Moi]
24. Finlandia – 13 punti [Krista Siegfrids – Marry Me]
25. Spagna – 8 punti [Contigo hasta el final – El Sueño de Morfeo (ESDM)]
26. Irlanda – 5 punti [Ryan Dolan – Only Love Survives]