Il coraggio è una dote rara, soprattutto nei tempi di crisi. Il design industriale per esempio tende a non proporre niente di innovativo o rivoluzionario.
Questo in Citroen probabilmente non lo hanno capito e sono usciti con una macchina assurda. La C4 Cactus. Quando ho visto le prime foto sul web ho pensato si trattasse di un SUV ancora alla stato di concept car. Ma la realtà è ben diversa. La macchina è già nelle concessionarie, ma non è un SUV. Non è 4×4. È un’utilitaria visionaria. Gli Airbump, quelle protezioni inserite nelle fiancate, muso e posteriore, saltano subito agli occhi e sono un’invenzione di Citroen.
Visionari sono sempre stati, vedi DS e Pallas.

interni-c4-cactus

La prima volta l’ho conosciuta ad Amsterdam e nel briefing tecnico non riuscivo a non guardarla. Bella in assoluto non è, ma ha carattere, ha quel “Che”. La chimica funziona e non vedo l’ora di averla tra le braccia. I primi passi li facciamo uscendo da Amsterdam, il cambio robotizzato inizialmente mi stranisce per l’assenza di un selettore per commutare la guida da Automatica a Manuale sequenziale, ma poco dopo capisco che è sensibile ai miei desideri. Non è necessario un selettore se lei capisce da sola cosa vuoi: guidi automatico, poi sfiori una paletta per cambiare e lei segue le tue scelte. Affiatamento immediato. Il verde dei dintorni di Amsterdam, il cielo nordico e canali malinconici abitati da ordine e persone felici passano in fretta. Rientro in Italia con il desiderio di rivederla.

citroen-inaugura-una-nuova-era-con-c4-cactus

La telefonata con cui mi si invita a passarci un weekend lungo mi rende sinceramente felice, perché io quella macchina ancora non l’ho capita. Perché mi piace non lo capisco. L’autosole nel tratto Milano-Firenze scorre delicata, il comfort è di livello, così le finiture. Passa il weekend Toscano tra colline Maremmane e il Mare. Il romanticismo mi pervade e capisco il perché. La C4 è femmina e mi piace. Mi permette di guardare un panorama abbracciato sul divano anteriore e non mi innervosisco se vedo lo sportello sbattere, con noncuranza femminile, su di un muretto. In questa macchina infatti si può limonare appoggiati alla fiancata senza paura per la vernice o sentirsi realmente vicini quando si perde tempo in macchina seduti davanti, cercando una scusa per rubare un bacio. Non ci saranno leve o altri ostacoli tra guidatore e passeggero.

C4 Cactus PP from STUDIOQUAGLI.COM on Vimeo.