Ecco una guida rapida per visitare la capitale magiara – l’ordine delle citazioni è assolutamente randomico:

1) L’isola Margherita nelle prime ore del mattino, dopo una lunga corsa energizzante.

2) Il cappuccino coi pasticcini di Goa Mama, piccola caffetteria in stile francese su Kiraly utca.

3) Budapest ha bellissimi mercati, ma il mio preferito rimane quello della domenica mattina al Szimpla Kert, di cui ho già ampiamente parlato.
Va detto che a Budapest i mercati sono un’istituzione proprio come i ruin pub e i parchi. Perdonate dunque la digressione che segue….

Se venite a Budapest, una delle 10 cose che vale la pena visitare è il Vasarcsarnok (1889-96), sulla bellissima piazza Fovam ter che dà sul Danubio. Riaperto dopo un accurato restauro in occasione del centenario, è uno dei più grandi mercati d’Europa. Sotto la copertura in ferro e vetro, troverete generi alimentari d’ogni tipo, bancarelle di souvenir, caffetterie e punti ristoro con cibo internazionale. L’altro storico mercato da visitare è il Belvárosi Piac (Downtown Market) su Hold ucta, poco distante dalla bellissima Piazza della Libertà. E’ più piccolo e meno turistico, io ci vado soprattutto per comprare il pesce, che a Budapest è una rarità, come potete immaginare! Ci sono molto affezionata, perché è uno dei primi luoghi che ho scoperto di Budapest, nel lontano luglio 2014. L’ultimo ad aver riaperto, dopo una lunga ristrutturazione, è nel quartiere ebraico. Un’ottima scoperta per carne e formaggi.

Budapest wall

4) Il brunch dell’Hotel Corinthia (corinthia.com/hotels/Budapest; Erzsébet krt. 43)

5) La trattoria Kádár Étkezde (Klauzál tér 9) per veri local. Se trovate posto, vi consiglio il bollito, la loro specialità. Per non essere rimbalzati subito, converrebbe sapere due parole in ungherese, anche se poi il menù a la carte è anche in inglese e francese.

6) Ricsi’s, Juwish street food nel quartiere ebraico (Dob u. 40)

7) Il lungo Danubio, dal Ponte delle Catene al Ponte Verde, per me il più suggestivo. E poi ancora oltre, fino al Balna (balnabudapest.hu; Fővám tér 11-12): ci si affaccia sul fiume sorseggiando una limonata e ci si sente come a Lisbona.

8) Culinaris (culinaris.hu; Balassi Bálint u. 7), negozio di primizie e delizioso bistrot dai gusti franco-ungheresi, per una sosta prima di salire al Castello.

9) Il Karolyi Kert, fra Kalvin ter e Astoria. Come forse avrete capito, kert in ungherese significa giardino.

10) Piazza della Libertà in primavera e in estate, quando a Budapest è bellissimo stare all’aria aperta. Ti fa sentire in vacanza.

11) Il Parlamento, secondo me uno dei più belli e romantici d’Europa.

12) Scarpe sulle rive del Danubio, uno dei monumenti alla memoria più commoventi che abbia mai visto.

13) L’aperitivo estivo all’Hotel Aria (ariahotelbudapest.com; Hercegprímás 5), sospesi fra le guglie della Basilica di Santo Stefano.

14) Il rooftop del 360 (360bar.hu; Andrássy út 39), la vista più suggestiva della città sorseggiando un bianco ghiacciato. Come essere cool anche a Budapest!

15) Scampi appena scottati e molluschi da The Big Fish (thebigfish.hu) su Andrassy utca… troppo caro e un po’ turistico, ma è l’unico modo per godersi un po’ di mare in città.

16) La cucina ungherese moderna del Fricska (fricska.eu; Dob u. 56) e le atmosfere da belle epoque di inizio secolo del Bistro Deryne (bistroderyne.com; Krisztina tér 3)

17) La Champion’s League con gli amici al Caledonia Scottish Pub (caledonia.hu; Mozsár u. 9)

18) Un drink dopo cena al Doblo Wine Bar (budapestwine.com; Dob u. 20) oppure al Boutiq’ Bar (boutiqbar.hu; Paulay Ede u. 5)