Quando si pensa allo shopping meneghino la nostra mente inevitabilmente va alle eleganti vie del Quadrilatero o al fascino un po’ sbiadito della celebre Galleria Vittorio Emanuele, un tempo vero e proprio salotto cittadino.

Ora però Milano si sta evolvendo rapidamente e, in attesa degli opening previsti nella zona di Porta Nuova, molti grandi brand hanno scelto il pittoresco quartiere di Brera – un po’ una Montmartre nostrana – per aprire le loro vetrine.

Ultimo in ordine di tempo Gucci, che ha scelto un’ampia location proprio di fronte alla Pinacoteca di Brera per il suo primo store tutto al maschile, dopo il flagship di via Montenapoleone, la boutique in Galleria con annesso Caffè e i corner distribuiti nei vari piani de La Rinascente. Solo pochi mesi fa le suggestive vie di Brera erano già state scelte da Brooks Brothers per l’inaugurazione in Italia della linea Flatiron, senza comunque abbandonare gli eleganti spazi di via San Pietro all’Orto dedicati all’abbigliamento formale. Ma anche un brand giovane e in veloce ascesa come Fix Design non ha saputo resistere al fascino di via Fiori Chiari. In via Brera invece L’Olfattorio, splendido bar a parfume, si è trasferito di poche centinaia di metri e nella sua precedente location pare imminente un nuovo opening di alto profilo.

Insomma, Milano sembra alla costante ricerca di nuovi spazi retail e l’antesignana Patrizia Pepe sembra proprio averci visto bene quando ha scelto di investire in questo angolo paradisiaco di città che sembrava ormai ostaggio solo di vecchi nostalgici e turisti affamati disposti a spendere cifre da capogiro per sedersi ai tavolini di caffè e ristoranti non proprio all’altezza di una città a cinque stelle.