Storytellers si nasce. E Bob Dylan di sicuro le storie le sa raccontare, poco importa che siano esse in musica – e che musica, basti pensare al suo ultimo (e meraviglioso) album Tempest – o dipinte su una tela.

Ma mentre tutti conoscono il menestrello di Duluth per le sue canzoni, che gli sono valse un Premio Pulitzer nel 2008 “per il profondo impatto sulla musica popolare e sulla cultura americana, grazie alle liriche composte e alla straordinaria forza poetica dei suoi testi,” solo in pochi sanno che l’artista è un asso anche alle prese con matite, colori e pennelli.

Eppure Dylan disegna fin da giovanissimo e dipinge dalla fine degli anni ’60, anche se solo negli ultimi anni ha cominciato a esporre al pubblico le sue tele.

«Disegno per le persone quasi come un sarto fa un vestito per qualcuno» spiega il musicista nel 2011, durante una conversazione con John Elderfield, Curatore Capo Emerito del Museum of Modern Art di New York, e una prima collezione di disegni e bozzetti viene pubblicata nel1994 in un libro dal titolo Drawn Blank.

Questi bozzetti, rielaborati come acquerelli e gouaches nella Drawn Blank Series, vengono esposti nel 2007 al Kunstsammlungen di Chemnitz in Germania e segnano l’esordio europeo del Bob Dylan pittore.

bd_fig1

Una personale alla National Gallery di Copenhagen contribuisce poi nel 2010 a far conoscere al pubblico altre opere, raccolte questa volta sotto il nome di The Brazil Series.

bd_fig2

Una terza serie di tele, la New Orleans Series, è apparsa recentemente a Milano, in una mostra gratuita a Palazzo Reale. La New Orleans che fa da sfondo alle scene dipinte da Dylan è quella a cavallo degli anni ’40 e ’50 e i quadri raccontano storie diverse tra loro ma accomunate dalla stessa sottile emozione: si passa da momenti oziosi a spaccati carichi di violenza, da atmosfere cariche di spiritualità a situazioni dal marcato contenuto erotico.

bd_fig3
Bob Dylan, Rescue Team, 2012

Un modo di raccontare, insomma, diametralmente opposto a quello che tutti conosciamo di Dylan – la musica – ma ugualmente intenso e carico di significato.

Qui di seguito una piccola galleria fotografica con alcune delle opere dell’artista. Enjoy!