Il “decluttering” è una delle parole più di moda negli ultimi tempi, ma avete mai pensato di farlo in viaggio? Tra i veri esperimenti di viaggio, a dicembre ho deciso di capire cosa vuol dire davvero “viaggiare leggeri”: solo un bagaglio a mano per 15 giorni. Ecco quali sono state tutte le dritte, gli accorgimenti e quello che ho infilato nello zaino per la Thailandia, per non dover pagare un bagaglio in stiva nei vari voli interni low cost.

Per viaggiare leggeri la destinazione deve essere calda: fisicamente, maglioni e pantaloni pesanti non ci stanno. Quindi questo è il primo vincolo.

Come bagaglio a mano io ho scelto lo zainetto da 40L di Decathlon: più grande di uno zaino normale, ma non fuori misura, comodissimo e soprattutto pieno di tasche da riempire fino al limite. La prova cerniere è stata fatta: tengono.

Ovviamente il principio di base non è non lavarsi, ma poter lavare i vestiti lungo la strada: in qualsiasi ostello del mondo si trovano lavatrici a gettoni, e nel Sud est asiatico ci sono lavanderie a ogni angolo per pochissimi dollari (di solito 1kg-1$) quindi la valigia deve essere per 8 giorni.

La lista (per me) perfetta di cosa mettere in valigia per 15 giorni è questa:
8 magliette
3 paia di pantaloni corti
2 paia di pantaloni lunghi
8 paia di calze
8 paia di mutande
3 reggiseni (per le femmine)
2 maglioncini
1 giacca richiudibile impermeabile
1 paio di ciabatte
1 costume da bagno
1 salviettone in microfibra
1 sciarpa di cotone pesante
1 ciabatta multipresa
1 adattatore universale
fotocopie di tutti i documenti di viaggio (passaporto, prenotazioni…)
macchina fotografica + schede di memoria aggiuntive+ caricabatteria
1 caricabatteria per cellulare

Nel beauty case è importante ricordarsi che non si possono superare i 100 ml per i liquidi e quindi:
1 bottiglietta con shampoo travasato
1 bottiglietta con bagnoschiuma travasato
1 spazzolino
1 dentifricio
1 spazzola
1 bustina con 20 cotton fioc
1 pinzetta
1 forbicina per unghie
3 pacchetti di fazzoletti
1 pacchetto salviettine igienizzanti antibatteriche
1 pacchetto salviettine struccanti
2 capsule di detersivo per i panni da poter utilizzare eventualmente nelle lavatrici degli ostelli

1 kit con i farmaci importanti per voi e in generale (pensate nella peggiore delle ipotesi: un’intera scatola di aspirina non vi servirà mai)

bagaglio a mano come farlo

La parola chiave per viaggiare con bagaglio a mano è alleggerire: il peso ve lo porterete sempre dietro, quindi è un dettaglio non trascurabile.

A meno che non stiate partendo per un luogo remoto dell’Africa centrale è decisamente improbabile non trovare un negozio in cui acquistare tutto quello che vi siete dimenticati o quello che non avete comprato a casa. In Asia si trovano 7eleven a ogni angolo: per fazzoletti, rasoi, shampoo, balsamo sarete servitissimi con tutte le marche occidentali. In India poi, per esempio, si trovano bustine monodose di tutto vendute a “strisce”.

Se volete fare qualcosa di ancora più estremo riducete i vestiti, in prospettiva di acquistarne di nuovi all’arrivo: 5 magliette, 2 paia di pantaloncini, la felpa che avete indosso per il volo, 4 paia di mutande e calze da lavare a mano di giorno in giorno. Se viaggiate con altre persone ovviamente l’ideale è mettersi d’accordo per avere “un pezzo di tutto”: 1 dentifricio a stanza e 1 phon per esempio, bastano, e si possono suddividere.

Viaggiare leggeri è un buon modo per capire quanto sia importante non caricarsi di cose che non ti serviranno e magari, anche arrangiarsi sul posto senza portarsi troppe coperte di Linus da casa.