Grazie ad Instagram e Twitter ormai è possibile raggiungere chiunque in giro per il mondo. Tempo, fa parlando di fotografia, un mio amico di Parma mi ha fatto vedere delle fotografie di New York da togliere il fiato.

Mi ha parlato di Valentina, una ragazza ligure che ha deciso di mollare tutto, l’Italia, la famiglia e la vita di tutti i giorni, per andare in America, precisamente a New York. Appassionata di fotografia, da sempre ha deciso di rincorrere il suo sogno nella Grande Mela: è partita acerba, ma con tanta voglia di imparare ed affermarsi. Ha tanta grinta, e lo dimostra in quello che riesce a fare tutti i giorni, attraverso i suoi scatti e i suoi racconti. Twitter è come un diario di bordo: tra check-in, mostre e musei è come seguirla per le vie di New York, e non solo, stando sedute ad una scrivania. E’ una tosta, appassionata di social, non riesce a fare a meno del suo iPhone e delle sue Nike (ne ha una collezione intera), e forse anche per questo mi assomiglia molto.

!cid_49D3B801-B203-48C9-BE38-9BA45C0B310D@station

Ecco l’intervista in cui ci racconta qualcosa di sé:

  • Come e quando ti sei avvicinata alla fotografia?

Mi sono avvicinata alla fotografia quando ho trovato una vecchia Pentax a pellicola in casa, regalo di nozze dei miei genitori… poi ero troppo impaziente per l’analogico e sono subito passata al digitale. Solo dopo gli studi sono tornata alla pellicola, vero amore!

  • Cosa ti ha spinto a volare fino a New York?

Sono volata a New York, da sempre la città dei miei sogni, dopo aver capito che i miei studi da biologa in Italia non mi avrebbero resa una persona felice, e così ho preso l’ultimo treno (ops aereo!!) per la Grande Mela per cambiare la mia vita.

  • Che genere di fotografia preferisci e quali tecniche usi?

La macchina fotografica che ho usato nei miei ultimi progetti è una Pentax 35 mm (non quella dei miei genitori) che ho acquistato in un negozio dell’usato a Chicago. A Natale un amico dei miei genitori mi ha regalato una medio formato Rolleiflex e, dopo averla restaurata, credo comincerò una serie di ritratti.

  • L’obiettivo al quale non potresti mai rinunciare?

L’obiettivo di cui non potrei fare a meno è il 50mm.

  • La tua prima mostra, cosa si prova?

La prima mostra a New York è una delle cose più eccitanti che mi sia mai capitata, e più si avvicina la data meno ci dormo la notte! Il progetto che verrà esposto è nato durante un breve viaggio a Las Vegas, mi incuriosivano gli eccessi e i cliché di questa città. Da lì la scelta del bianco e nero, per vedere cosa ne restava tolti i bagliori, i luccichii e i colori vibranti.

  • I tuoi progetti a breve cosa prevedono, e qual è il tuo sogno nel cassetto?

Sogni? Progetti? Tantissimi! Uno su tutti, mi piacerebbe poter tornare a casa, amo l’Italia ed è lì che vorrei tornare a vivere, senza dover abbandonare la fotografia (perché si sa come vengono visti i lavori creativi in questo momento).

 

Potete guardare i suoi scatti su www.valentinafreghetti.com e www.mylifein35.tumblr.com